ADHD e Dipendenze

Che cos'è l'ADHD?

Il Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività, o ADHD, è un disturbo evolutivo dell’autocontrollo. Esso include difficoltà di attenzione e concentrazione, di controllo degli impulsi e del livello di attività. Questi problemi derivano sostanzialmente dall’incapacità del bambino di regolare il proprio comportamento in funzione del trascorrere del tempo, degli obiettivi da raggiungere e delle richieste dell’ambiente.

Non stiamo parlando di una normale fase di crescita che ogni bambino deve superare, non è nemmeno il risultato di una disciplina educativa inefficace. Tanto meno non è un problema dovuto alla «cattiveria» del bambino. Non si tratti di “bambini che fanno i capricci”.

Che cosa osserviamo

– La disattenzione: difficoltà a prestare attenzione ai particolari, errori di disattenzione, disordinati, difficoltà a mantenere l’attenzione e a portare a termine un’attività, passano da un’attività all’altra;

– Il comportamento impulsivo: incapacità ad inibire risposte inappropriate e/o affrettate;

– L’iperattività: difficoltà a stare seduti, sempre in movimento, parlano troppo, borbottano, rumoreggiano;

– Altre manifestazioni: difficoltà nella pianificazione del tempo e delle mete, lievi deficit cognitivi, disturbi del linguaggio, difficoltà nelle funzioni adattive, disturbi dello sviluppo motorio. Disturbi a livello emotivo, difficoltà nell’esecuzione di compiti, rischi per la salute;

– Manifestazioni in età precoce: ingresso nella scuola primaria mette in luce le difficoltà ad inibire risposte automatiche «a scuola si sta seduti».

Quando lo osserviamo

Questo disturbo accompagna l’individuo per tutto il ciclo di vita evolvendosi in base all’età:

– In età scolare: disattenzione, impulsività, difficoltà scolastiche, possibile riduzione della iperattività, comportamento oppositivo-provocatorio.

– In adolescenza: l’iperattività si manifesta come senso interiore di irrequietezza piuttosto che come grossolana iperattività motoria. La disattenzione comporta difficoltà ad organizzare le proprie attività o a coordinare le proprie azioni con conseguenti difficoltà scolastiche, occupazionali e sociali. Si verifica inoltre un rischio aumentato di abuso di sostanze,e di malattie a trasmissione sessuale.

– In età adulta: difficoltà di organizzazione nel lavoro, condotte a rischio, marginalità sociale, bassa autostima, tendenza all’isolamento sociale , vulnerabilità psicopatologica.

pexels-photo-4145347

ADHD e Dipendenze

pexels-photo-4145191

Diversi studi hanno dimostrato che ragazzi con diagnosi di ADHD crescendo possono sviluppare anche ulteriori  disturbi del comportamento (disturbo oppositivo provocatorio, disturbo della condotta, ecc).

Gli stessi inoltre sembrano essere più a rischio nell’uso di sostanze stupefacenti o nello sviluppo di dipendenze comportamentali, come quella da videogiochi. La spiegazione di tale fenomeno risiede in parte nella difficoltà ad inibire l’impulsività sia verbale che comportamentale.

L’imbarazzo percepito per tali azioni si accompagna spesso ad esclusione sociale da parte dei compagni e conflitti in famiglia. Il senso di solitudine e di inadeguatezza può portare i ragazzi con ADHD, in particolare in fase adolescenziale, a rifugiarsi  nei videogiochi o nell’uso di sostanze.

L’uso di sostanze per un paziente con ADHD può essere particolarmente pericoloso,  rappresentando un tentativo di autocura. In tal modo il subentro della  dipendenza diventa ancora più difficile da trattare e soprattutto tende ad allontanare definitivamente il paziente dalla cura dell’ADHD.

Strategie di cura

Spesso l’iperattività di questi ragazzi nasconde una grande sensibilità, un’intelligenza creativa che non viene compresa e valutata dagli adulti che li circondano. Non riuscendo a rispettare le regole che richiede la scuola, “seduti al proprio posto” “si parla solo quando è il proprio turno” “uno alla volta”, i ragazzi vengono spesso puniti per il comportamento a discapito dell’impegno e del profitto.

Questo, in alcuni casi, li porta a scegliere percorsi di studio brevi in quanto la loro autostima è molto bassa e talvolta arrivano ad abbandonare la scuola. Per questo è fondamentale agire tempestivamente supportando i ragazzi nella gestione dell’impulsività con tecniche che favoriscano l’autocontrollo e l’attenzione. 

Lo scopo  è  soprattutto di  motivarli e supportarli sia in ambito scolastico ma anche nella vita sociale con i propri pari. Il fine ultimo è di prevenire situazioni di disagio, abbandono scolastico ed emarginazione sociale.

In conclusione

Un intervento tempestivo mirato e strutturato quindi, non rappresenta solo ed esclusivamente un’ azione di cura per l’ADHD.  Promuovendo una migliore qualità della vita personale, nel contesto familiare e con i compagni di classe, inevitabilmente preveniamo ulteriori comportamenti disadattivi.

Di conseguenza riduciamo la possibilità di sviluppo di ulteriori patologie, tra le più gravose quali di sicuro  figurano le Dipendenze Patologiche.

Bibliografia Hechtman L. (2000). Assessment and diagnosis of attention-deficit/hyperactivity disorder. Child Adolesc Psychiatr Clin, 481-98. Branstetter R. (2016). Impara a organizzarti! Trento: Erickson.

Prenota la tua chiamata gratuita

Puoi prenotare il primo appuntamento direttamente con me con il pulsante infondo alla pagina, durante il primo appuntamento conoscitivo avrai modo di raccontarmi in tutta libertà ciò che riterrai più importante e che secondo te debba assolutamente conoscere per capire come vivi le tue giornate, cosa ti rende preoccupata e cosa ti piacerebbe vivere.

Alla fine di questo appuntamento ti darò già i primi consigli per poter vivere le tue giornate ideali e se lo riterrò necessario ti proporrò un percorso completo che possa accompagnarti in questa fase di piacevole cambiamento verso la vita che vorrai.

contatti

piscologo modena

sedi fisiche

piscologo bologna

PRIVACY POLICY

piscologo online

©️ Studio di Psicoterapia Dott. Flaviano Canfora 2016 | Via Emilia Est 18/2 41124 Modena